“American Sniper” la vera storia

“American Sniper” il film diretto da Clint Eastwood, basato sull’omonima autobiografia di Chris Kyle, che ha come protagonista Bradley Cooper, racconta la storia del più famoso cecchino d’America. Kyle, giovane texano, si arruola nei Navy SEAL, famoso corpo d’elite della marina degli Stati Uniti.scena-da-american-sniper-633656                                                                                                                     image: www.panorama.it

Il film, a differenza dell’autobiografia, ripropone situazioni e utilizza informazioni non del tutto esatte.

FILM: Kyle si arruola a 30 anni. // REALTA’: si arruola a 25 anni.

Perché si arruola:

FILM: dopo una delusione d’amore. // REALTA’: prendeva parte ai rodei. Durante un rodeo fu scaraventato al suolo da un cavallo selvaggio e perse conoscenza. Riportò numerose ferite e gli vennero inseriti dei chiodi nel polso.

Nella prima scena del film, Kyle doveva decidere se uccidere o meno un bambino. Una donna irachena porge una granata al bambino in modo che la lanciasse contro un gruppo di soldati americani.

FILM: Kyle uccise entrambi. // REALTA’: non uccise il bambino.

Il matrimonio tra Kyle e sua moglie Taya.

FILM: si sposano dopo il primo turno in Iraq. // REALTA’: si incontrarono poco dopo il suo arruolamento e si sposarono prima della partenza del primo turno.

Uccisione del cecchino iracheno Mustafa.

FILM: Kyle uccide il cecchino con un colpo eccezionale nella sua ultima missione in Iraq. // REALTA’: Non era sicuro di averlo ucciso.

La taglia su Kyle

FILM: 20.000 dollari offerti a colui che avrebbe ucciso Chris. // REALTA’: La taglia c’era su tutti i cecchini americani.

 

La parte più tragica del film, segno di rottura nella vita di successi di Chris, è la sua inaspettata uccisione da parte di un marine affetto da Sindrome Post traumatica da stress.

Il film si conclude con il saluto alla famiglia da parte di Chris che entra in macchina con il marine Eddie Ray Routh. Portò il giovane in un poligono da tiro e Routh fece fuoco su Kyle, uccidendolo.

MA COME SARA’ FINITA?

L’ex marine Eddie Ray Routh è stato definito”un giovane uomo tormentato” dal procuratore distrettuale della Contea di Erath, a Stephenville. Il 2 febbraio 2013, Routh uccise Chris Kyle con più colpi alle spalle. Secondo l’accusa l’ex marine era stordito da marijuana e whisky. Gli avvocati della difesa hanno continuato a portare avanti la teoria dell’infermità mentale. Non si era più ripreso dalla guerra in Iraq e soprattutto da Haiti. Il suo compito lì era quello di rimuovere i cadaveri presenti tra le macerie causate dal sisma. Dopo aver ucciso Chris, il ragazzo scappo con il pic-up del cecchino americano.

Dopo due settimane di processo a Stephenville, una piccola città a sud-est di Dallas, in Texas la giuria popolare ha annunciato la pena del carcere a vita senza condizionale per Eddie Ray Routh.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...